Piancavallo – Val dei Sass – Casera Palantina

ATTENZIONE!!! leggere descrizione, tratto dalla forcella verso la casera Palantina, sentiero molto difficile. 
Nel complesso questo itinerario si svolge in parte su un ambiente solitario e molto suggestivo, che, per chi se la sente ed è in grado di affrontare questi percorsi, merita tutta la fatica e le difficoltà superate. Il video rende meglio l’idea sulla tipologia del terreno. 

Partenza dal parcheggio di Piancavallo difronte la seggiovia Tremol, si sale a fianco delle piste da sci tramite la stradina di servizio con pendenze tra il 20-25% su fondo poco stabile, molti sassi poco stabili, con facile perdita di aderenza, fino al Rifugio Baita Anneri a quota 1.634m 

Piccola pausa caffè, poi si segue l’evidente stradina che porta verso le piste da sci e appena girato l’angolo, sulla destra, si sale ancora per la strada di servizio che porta al ristoro Val dei Sass. 

Poco prima una piccola deviazione sulla destra, merita la visita ed il panorama, alla statua del Cristo posto a circa 1.828m di quota. 

Si continua verso la Val dei Sass e poco prima del ristoro, si scorge il sentiero che porterà alla Forcella Palantina. Il sentiero non è segnalato ma si riesce a vederlo quando si è vicini, è accanto alla pista da sci, seguire la traccia. Il sentiero diventa un single track, classico sentiero CAI abbastanza pedalabile con un pò di tecnica e di attenzione. 

Al primo bivio sulla sinistra si può visitare l’ANTRO DELLE MATE, conviene andare a piedi, è a qualche minuto di distanza. 

Si prosegue verso la forcella ed arrivati al paletto identificativo del sentiero, merita la visita al “BELVEDERE DI PALANTINA”. Anche questo conviene andare a piedi, è un ottimo posto per fare merenda e riposarsi un pò. Ci sono delle panche per sedersi, il panorama spazia dal Pian Del Cansiglio, Lago di Santa Croce, Tambre e molti altri paessetti poco più giù. Da qui si vede anche la Casera Palantina che la prossima tappa. 

ATTENZIONE!!! Sentiero Molto Difficile 
Tornati alla forcella ora bisogna scendere per l’evidente sentiero escursionistico, il primo tratto è il più difficile, poi un pò meno ma comunque non pedalabile, almeno per noi, il fondo è spesso scivoloso, ci sono rocce e grandi sassi, bisogna scendere con molta calma, facendo attenzione a non colpire parti sensibili della bici, disco freno, cambio, ecc… guardare bene dove si mettono i piedi facendo molta attenzione a non scivolare, alcuni tratti con pendenze 35-40%. Arrivati poco prima della casera il sentiero torna pedabile, ma comunque con difficoltà, erba alta, attenzione anche alle ortiche che sono abbondanti e nascoste. 

Dalla Casera Palantina ancora per stessa tipologia di sentiero, ci si dirige verso la Baracca Mogol, il primo tratto su sentiero in mezzo al bosco di media larghezza ma con molte radici affioranti, poi su strada forestale più semplice. 

Il percorso scende verso Sant’Anna sempre su comoda e facile strada forestale, piover tratti di strada asfaltati. 
Arrivati a Pian Rosada si prende a sinistra, ancora per comoda strada forestale che ci porta alla Casa Forestale della Candaglia e, proseguendo ancora, poco prima di arrivare alla dorsale che porta a Piancavallo, si volta a sinistra (indicazioni di sentiero presenti) verso la Casera Mosonil Vecio. Questo tratto, tutto pedalabile, è comunque tecnicamente più difficile, si attraversano tracce di sentiero battuto e tratti con molte radici affioranti. 

Da qui si scende verso la dorsale che ci riporterà al punto di partenza.

Powered by Wikiloc
Piancavallo – Val dei Sass – Casera Palantina

cristian

Tutte le descrizioni sono a puro scopo di informazione, chi intende intraprendere un qualsiasi percorso descritto lo fa sotto la propria responsabilità conoscendo le proprie capacità fisiche e tecniche e con la dovuta attrezzatura, informatosi sulle condizioni reali dei sentieri e strade come anche delle condizioni del tempo previsto.